Sarà un’estate di eteree dee o di coraggiose gladiatrici? L’antica Roma torna di gran moda e dopo aver sfilato sulle passarelle di Versace e non solo i sandali alla schiava girano per le nostre città. Già l’anno scorso alcuni modelli con tallone coperto e fissati alla caviglia che una o più cinghie ci avevano un pò preparate al ritorno degli “originali”che ora si alzano in alcuni casi fino al ginocchio, fasciando tutta la gamba.

La pelle e il cuoio, il marrone e il nero, che sono i materiali e i colori classici per i calzari d’ispirazione romana dividono il campo con metallo e corda, ma anche con i tacchi alti, a dispetto del sandalo flat a cui siamo abituate.

I sandali alla schiava si adattano a diversi look e in base a cosa si abbina l’effetto sarà più o meno aggressivo. Pelle nera, fibbie e borchie sotto un paio di shorts o una gonna corta danno l’aria “dura” moderna gladiatrice, invece una gonna lunga con plissè e/o spacco ricordano una dea e, in questo caso, si può scegliere tra un sandalo flat o dal tacco vertiginoso che slancia ancora di più la gamba.

Seguire la moda va bene ma come sempre è bene fare prima i conti con la propria fisicità! I sandali alla schiava, soprattutto se fasciano tutta la gamba bisogna ammettere che non sono per tutte, infatti i cinturini e le fasce strette attorno ai polpacci e a salire possono purtroppo creare l’antiestetico effetto salsicciotto!